L’urna di Sant’Agostino

L'urna di cristallo e la cassa altomedievale

L'urna di cristallo e la cassa altomedievale

I resti del Corpo di S. Agostino sono collocati dal 1900 sotto l’altare che fa da basamento all’Arca di marmo del XIV secolo. I resti furono esaminati scientificamente nel 1884 con il permesso del Papa Leone XIII e gli esperti poterono contare 225 frammenti di varia grandezza di tutte le parti del corpo, tra cui anche 21 pezzi del cranio. I sacri resti del Corpo di S. Agostino giacciono dentro l’Urna di cristallo e bronzo dorato del 1833, fatta eseguire dal Vescovo di Pavia mons. Luigi Tosi e abbellita poi, nel 1884, dal Vescovo mons. Agostino Riboldi. Sul lato anteriore sotto le insegne episcopali è scritto Ossa S. Augustini Episcopi ed Doctoris; sul lato posteriore sotto il simbolo agostiniano del cuore ferito è scritto In Dei amore et animarum consumptum – Consumato dall’amore di Dio e delle anime.

L'urna di cristallo contenente le reliquie di sant'Agostino durante un'esposizione

L'urna di cristallo contenente le reliquie di sant'Agostino durante un'esposizione

L’Urna di cristallo e bronzo dorato è inserita dentro l’Urna argentea originaria, prezioso manufatto di oreficeria longobarda dell’VIII secolo; venne fatta eseguire dal re Liutprando quando nel 722 circa il Corpo di S. Agostino fu traslato a Pavia. Sui 4 lati sono ornati da 4 croci di lamina decorate a rosette e con al centro la figura di Gesù Cristo; ad esse si è ispirata l’artista Pupi Perati per eseguire la croce pettorale donata dalla diocesi di Pavia al Santo Padre Benedetto XVI nella sua visita del 22 Aprile 2007.

Due volte l’anno, il 24 Aprile festa della Conversione-Battesimo di S. Agostino e il 28 Agosto giorno della sua morte, l’Urna di cristallo e bronzo dorato viene estratta ed esposta perché i fedeli possano pregare e meditare davanti alle sacre ossa di S. Agostino.

Vai alla pagina dedicata alla tomba di re Liutprando

Annunci

10 risposte a L’urna di Sant’Agostino

  1. ENRICO UGO PALLAVICINI ha detto:

    Per me è stato un privilegio visitare la Chiesa dove riposa Sant’Agostino. Ho pregato ad agosto del 2010 vicino alla sua tomba. Esperienza di preghiera indimenticabile . Ho percepito la presenza spirituale del Santo. Avevo letto il suo De Trinitate e adesso ho incominciato il Commento al Vangelo di Giovanni. Personalmente non amo la Scolastica mentre per me i Padri della Chiesa sono , a mio avviso, il respiro libero della spiritualità. Si può vivere senza leggere San Tommaso d’Aquino o San Bonaventura. Al contrario si deve viere secondo le Scritture e nella lettura del Vescovo di Ippona. Visitate questo luogo e la vostro modo di intendere la preghiera cambierà per sempre. Rimarrete commossi dinnanzi al Principe della Cristianità.

  2. rita fratto ha detto:

    Cortesemente vorrei sapere se esiste una novena in onore di Sant’Agostino e quando è preferibile farla, ho letto che il 24 aprile viene esposta la sua urna ma è a Pavia?potete darmi maggiori indicazioni grazie e serena giornata. rita.

    • webmaster ha detto:

      Gentile signora, l’esposizione delle reliquie di Sant’Agostino avviene due volte l’anno: il 28 agosto, memoria liturgica del santo, e il 24 aprile, anniversario del Battesimo ricevuto a Milano.Entrambe le esposizioni avvengono a Pavia nella Basilica di San Pietro in Ciel d’Oro. Per quanto riguarda la novena, lascio la risposta al padre priore.

  3. ENRICO UGO PALLAVICINI ha detto:

    Su mia supplica presso la Tomba, Sant’Agostino illuminò il mio cuore e nella recita del Magnificat chiarì la mia vocazione Cattolica Apostolica e Romana, in fedeltà al Sommo Pontefice e al Magistero (Primi Vespri della Solennità della SS. Trinità, sabato 18 giugno 2011).

    Nativita’ di San Giovanni Battista ,
    Arquata Scrivia (AL) , 24 giugno 2011
    Enrico Ugo Pallavicini

  4. katiuscia ha detto:

    Mi sono convertita da un anno…nel passaggio dalla tenebre alla luce ho percepito che alcuni Santi mi hanno accompagnato insieme alla Mamma Celeste verso Gesu’…in questo continuo cammino verso Dio sento che Sant’ Agostino mi stia aiutando nella crescita e progerssione della conoscenza della Verita’…la mia vita e’ stata per molti versi molto simile alla sua…condivido le sue stesse catene che piano piano si stanno sciogliendo .i suoi stessi studi e gli stessi dubbi che lo hanno attanagliato….sento un desiderio fortissimo di conoscere le sue opere…e di poter pregare innanzi le sue spoglie…vivo a Roma..ma spero presto di poter venire li’ dove giaciono le sue spoglie mortali..auguri a tutti di trovare la via che conduce alla citta’ di Dio…katiuscia.

  5. ENRICO UGO PALLAVICINI ha detto:

    Oggi, 28 agosto 2011, proprio nella ricorrenza del Santo , ho ritrovato una carissima amica, Alessandra, che mi avvicinò alla fede vent’anni fa e che da tanto tempo cercavo. Grazie Sant’Agostino !

  6. ENRICO UGO PALLAVICINI ha detto:

    Oggi, IV Domenica d’Avvento 2011, ho terminato lo studio della Città di Dio iniziata a Carnevale di quest’anno ( ho impiegato 9 mesi, anche se ho sospeso più volte la lettura che ha determinato in me una sorta di crisi di coscienza). Questa raccolta di XXII Libri mi ha fatto vacillare, mi ha mandato in crisi, mi confermato nella fede cattolica , mi ha fatto capire che cosa sia il senso del peccato, che il peccato esiste ontologicamente e che solo la Grazia, liberamente accolta, ci fa salvi da esso. Si tratta di uno Scritto che è titanico e che andrebbe letto e riletto. Ma sono contento di essere riuscito almeno una volta nella vita a “scorrerlo”. Ringrazio Sant’Agostino per averlo scritto e invito tutti a leggerlo.

  7. ENRICO UGO PALLAVICINI ha detto:

    Nella IV Domenica del Tempo di Quaresima, Anno B, ho meditato l’Omelia XII del Commento al Vangelo di Giovanni. In essa, il Vescovo di Ippona coglie il senso di questo Tempo forte della Liturgia che prepara i fedeli alla Pasqua. Dice S.Agostino <>. Mi affido all’intercessione del Doctor Gratiae e alle preghiere degli Agostiniani.

  8. norberta banchiero ha detto:

    Sono nata il 28 08 50.sono devota di sant agostino e sono iterssata a tutto cio’ke riguarda lui

  9. ENRICO UGO PALLAVICINI ha detto:

    Visito anche quest’anno, in via virtuale, l’Urna di Sant’Agostino sperando con la bella stagione di tornare a Pavia . In questi giorni di Quaresima la mia meditazione è sul Commento al Vangelo di Giovanni che suggerisco a tutti di meditare Omelia per Omelia dedicandovi tutto il tempo che la lettura richiede. Straordinario esempio di equilibrio anche nell’affrontare i Passi più difficili di quel Vangelo. La mia preghiera per le intenzioni dell’Ordine agostiniano e mi rimetto alle Vostre preghiere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...