Vita di sant’Agostino

Sant’Agostino

“Nacque nella provincia d’Africa, nella città di Tagaste, da genitori dell’ordine dei curiali, di onesta condizione e cristiani. Fu da loro allevato ed educato con ogni cura e anche con notevole spesa, e fu inizialmente istruito nelle lettere profane, cioè in tutte quelle discipline, che chiamano liberali”. Con queste parole Possidio, vescovo di Calama, il primo biografo di Agostino, introduce il racconto della vita del suo illustre amico.

In una piccola città dell’attuale Algeria, l’odierna Souk Ahras, Aurelio Agostino vide la luce nel 354. Dei suoi genitori, Monica, la madre, era cristiana, come Possidio stesso scrive; il padre, Patrizio, era invece pagano e solo alla fine della vita aderì alla fede cattolica. Assecondando le ambizioni dei genitori, incoraggiati dal brillante ingegno che il loro figlio manifesta sin dalla più tenera età, Agostino intraprende gli studi superiori, laureandosi infine rètore (professore “in lettere”) a Cartagine. Qui, in una città per metà ancora pagana, Agostino scopre gli amori facili e gli ozi giovanili riempiti di avventure conturbanti. Abbandona del tutto gli insegnamenti cristiani che la madre gli aveva istillato da bambino, aderendo ad una setta pseudo-religiosa in voga, quella dei manichei. Sempre a Cartagine intreccia una relazione con una donna, con la quale convive per circa dodici anni: le resterà sempre fedele e ne avrà un figlio, Adeodato.

Nel 383, a 29 anni, mentre consolida la sua carriera di rètore trasferendosi prima a Roma e poi a Milano, dove ha ottenuto una prestigiosa carica presso la corte imperiale, inizia un lento e straziante processo di riflessione su se stesso. Agostino non può più evitare di interrogarsi sul senso della sua vita e di chiedersi se tutto sia affidato al caso o non vi sia piuttosto un progetto più grande in cui ognuno ha una sua parte. La presenza di Monica, che lo ha raggiunto dall’Africa, e l’assiduo ascolto della predicazione di Ambrogio, vescovo di Milano, gli aprono uno squarcio di luce. Agostino riscopre la fede cristiana, quella fede alla quale era stato formato da bambino e che aveva finito per disprezzare come una favola per sprovveduti. Proprio in questo contesto manifesta il “santo proposito” di dedicarsi completamente a Dio, rinunciando alla carriera e al matrimonio.

Nella notte tra il 24 e il 25 aprile del 387 Agostino è battezzato da Ambrogio, insieme al figlio Adeodato, al fratello Navigio, all’amico Alipio e ad altri discepoli. Ritornato in Africa nel 388, conduce per tre anni vita ritirata nella sua casa di Tagaste, insieme ai suoi amici, gettando le basi di quello che sarà poi il suo specifico stile di vita religiosa. Divenuto sacerdote nel 391 e vescovo nel 395, si dedica per tutta la vita nell’attività pastorale: catechesi al popolo, studio della Sacra Scrittura e ricerca teologica. A questo intenso impegno, testimoniato da una vasta messe di scritti, si aggiungono l’amministrazione della giustizia, che la legislazione costantiniana demandava per alcune materie anche ai vescovi.

Muore nella sua Ippona circondata dai Vandali il 28 agosto del 430, dopo 40 anni di intensissimo e fecondo servizio episcopale. Le sue intuizioni filosofiche, letterarie e teologiche ne fanno un genio del cristianesimo e dell’umanità intera. Le sue aspirazioni e la sua esperienza spirituale, trasmesse soprattutto con la sua “Regola”, hanno segnato e continuano a segnare il cammino ad una schiera innumerevole di uomini e donne, affascinati dalla sua figura e trascinati dal suo esempio.

In questa sezione puoi trovare alcuni preziosi approfondimenti sulla vita e il pensiero del santo.

3 risposte a Vita di sant’Agostino

  1. Maurizio Franchini ha detto:

    Come mai S. Agostino che è morto a Tagaste sotto l’assedio dei Vandali (mi ha colpito questo aspetto della sua morte) si trova a Pavia.
    Mi risulta che sono stati i Longobardi a trasportare la sua salma dalla Sardegna a Pavia.
    Quale era l’interesse dei Longobardi verso S. Agostino?
    Perchè il Papa ha chiesto l’intervento di Carlo Magno per distruggere il regno dei Longobardi che aveva sede a Pavia?

    • webmaster ha detto:

      Agostino muore a Ippona, sua sede episcopale, durante l’assedio dei Vandali e viene sepolto nella Basilica di Ippona. Una prima traslazione avviene probabilmente durante la devastazione delle Chiese dell’Africa del nord: la sua salma è traslata in Sardegna. Da lì, nel sec. VIII, il re longobardo Liutprando trasporta le reliquie a Pavia, allora capitale di regno, per dare maggiore lustro alla sua capitale. Il papato aveva stretto alleanza con i Franchi per contrastare la minaccia longobarda che incombeva sul Patrimonio di San Pietro

  2. francesca ha detto:

    queste parole sono veramente di Sant’ Agostino?
    Se mi ami non piangere.Se conoscessi il mistero immenso del cielo dove ora vivo, se potessi vedere e sentire quello che io sento e vedo in questi orizzonti senza fine e in questa luce che tutto penetra ed investe,non piangeresti se mi ami. Sono ormai assorbito dall’ incanto di Dio, dalle sue espressioni di sconfinata bellezza. Le cose di un tempo sono cosi’ piccole e meschine al confronto. Mi e’ rimasto l’ affetto per te, una tenerezza che non hai mai conosciuto. Ci siamo amati e conosciuti nel tempo: ma tutto allora era cosi’ fugace e limitato. Io vivo nella serena e gioiosa attesa del tuo arrivo fra noi: tu pensami cosi’ ; nelle tue battaglie pensa a questa meravigliosa casa, dove non esiste la morte e dove ci disseteremo insieme, nel trasporto piu’ puro e piu’ intenso, alla fonte inestinguibile della gioia e dell’ amore. Non piangere piu’ se veramente mi ami.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...