Conferenza stampa del Comitato Pavia Città di Sant’Agostino

Statua di Sant'Agostino all'interno della Basilica di San Pietro in Ciel d'Oro

Statua di Sant’Agostino all’interno della Basilica di San Pietro in Ciel d’Oro

Conferenza stampa del Comitato Pavia Città di Sant’Agostino

venerdì 27 gennaio alle ore 11

Introduzione
Padre Antonio Baldoni O.S.A., nuovo Priore della comunità agostiniana di S. Pietro in Ciel d’Oro, saluto di benvenuto;
don Gianluigi Corti, presidente del Comitato Pavia città di sant’Agostino, “Il Comitato nel decennale dalla nascita (2006-2016): nuove prospettive”.

Parte Prima
–   Antonello Sacchi (ufficio stampa e coordinatore per la Comunicazione coi mass-media),  Per la definizione dell’identità digitale del Comitato, l’efficacia del sito web e i prossimi aggiornamenti
–  Angelisa Leonesio (InterartActivity) e Luisa Erba, La realizzazione del logo del Comitato,

Parte Seconda
–  Maria Teresa Mazzilli (coordinatrice del Progetto: Pavia – I monasteri imperiali)
Proiezione “Indagini con tecnologie innovative alla ricerca della fase altomedievale
dei due complessi monumentali di S. Pietro in Ciel d’Oro e S. Salvatore” grazie a un nuovo   progetto finanziato dall’Associazione L’Italia Fenice;
–    Caterina Maffeis, “Il ruolo della Parrocchia del Ss. Salvatore e S. Mauro”;
–    Saverio Lomartire (Università del Piemonte Orientale): “Analisi sulle ossa del re Liutprando e rilievi col georadar”;
–    Chiara Pagani (pubblicista), “Tecnologie innovative, finalità e risultati attesi”
–    Giovanni Savini (Wimbietech), “Il progetto di comunicazione digitale”

Parte Terza
–  Renata Crotti (coordinatrice della commissione storico artistica), “Iniziative culturali per la ricorrenza della prima data agostiniana dell’anno”
> Sabato 25 febbraio: Visita Guidata ai luoghi agostiniani di Milano: il battistero del duomo, S. Marco, l’Incoronata (scheda di Alessandra Rotella);
– Iniziative dell’Università di Pavia: Giulia Delogu (Università di Pavia)
>Venerdì 10 febbraio 2017: CONVEGNO “L’Arca delle Virtù: da Agostino al XXI secolo. Prima edizione: Speranza”  (Organizzato da:Università di Pavia, Scuola Universitaria Superiore Pavia IUSS, Villanova University) dalle  ore 15 alle ore 19, Aula del Camino, Scuola Universitaria Superiore IUSS e dalle ore 21 alle ore 23  nella basilica di S. Pietro in Ciel d’Oro.

Pubblicato in Comitato Pavia città di sant'Agostino | Contrassegnato , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Gennaio 2017 in Basilica di San Pietro in Ciel d’Oro

Cari amici ecco il Foglio Informativo degli avvenimenti di Gennaio 2017 in Basilica di San Pietro in Ciel d’Oro che vi invitiamo a consultare e scaricare dal nostro sito.

In particolare, dal 18 al 25 gennaio si svolge la Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani, durante la quale siamo invitati a pregare e a riflettere sul tema: “L’amore di Cristo ci spinge verso la riconciliazione”, tratto dalla prima lettera ai Corinzi di S. Paolo (cap. V°).  Il tema scelto fa riferimento al  quinto centenario della riforma protestante avviata da Martin Lutero con l’affissione delle 95 tesi sulle indulgenze alle porte della cattedrale di Wittenberg il 31 ottobre 1517. Due sono gli accenti  della giornata di quest’anno: a) la celebrazione dell’amore e della grazia di Dio e b) il riconoscimento delle profonde divisioni create con la necessità della penitenza. E’ una chiamata ad unire le voci, pur di tradizioni, abitudini e lingue diverse, che però devono formare un unico “coro” e un unico ritmo di preghiera, al fine di chiedere “il dono di Dio”, cioè l’unità.

Vi aspettiamo!

Interno della Basilica

Interno della Basilica

Pubblicato in Appuntamenti della Comunità Agostiniana di Pavia, Attività della comunità agostiniana, Basilica di san Pietro in Ciel d'Oro | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Felice 2017!

Un carissimo augurio per un felice e sereno  2017  nel Signore da parte della comunità agostiniana di Pavia!

“Il Signore rivolga su di te il suo volto
e ti conceda pace”.
(Nm 6, 26)

Dai “Discorsi” di Sant’Agostino Vescovo (Sermo 357, 1-3)

La pace sia la nostra diletta, la nostra amica

E’ il momento questo di esortare la Carità vostra ad amare la pace secondo tutte le forze di cui il Signore vi fa dono, e a pregare il Signore per la pace. La pace sia la nostra diletta, la nostra amica; possiamo noi vivere, con essa nel cuore, in casta unione, possiamo con lei gustare un riposo pieno di fiducia, un sodalizio senza amarezze. Vi sia con essa indissolubile amicizia. Sia il suo abbraccio pieno di dolcezza. Non è difficile possedere la pace. E’, al limite, più difficile lodarla. Se la vogliamo lodare, abbiamo bisogno di avere capacità che forse ci mancano; andiamo in cerca delle idee giuste, soppesiamo le frasi. Se invece la vogliamo avere, essa è lì, a nostra portata di mano e possiamo possederla senza alcuna fatica. Quelli che amano la pace vanno lodati. Quelli che la odiano non vanno provocati col rimprovero: è meglio cominciare a calmarli con l’insegnamento e con [la strategia del] silenzio. Chi ama veramente la pace ama anche i nemici della pace. Facciamo un esempio: tu che ami questa luce visibile non ti adiri con i ciechi ma li compiangi. Ti rendi conto di quale bene tu godi, di quale bene essi sono privi e ti appaiono degni di pietà. Davvero non li condanneresti, anzi, se ne avessi la possibilità, che so io, una capacità medica, o anche un farmaco utile, ti affretteresti a far qualcosa per risanarli. Così, se ami la pace, chiunque tu sia, abbi compassione di chi non ama quello che tu ami, di chi non possiede quello che possiedi tu. L’oggetto del tuo amore è di tal natura che non comporta invidia da parte di chi partecipa con te allo stesso possesso. Chi possiede la stessa pace che possiedi tu, non per questo fa diminuire il tuo possesso.

Che cosa buona è amare! Amare è già possedere. E chi non vorrebbe veder crescere ciò che ama? Se vuoi con te pochi partecipi della pace, avrai una pace ben limitata. Ma se vuoi veder crescere questo tuo possesso, aumenta il numero dei possessori.

E tu, amico della pace, rifletti, e gusta per primo l’incanto della tua diletta. Ardi d’amore tu, così sarai in grado di attirare un altro allo stesso amore, in modo che egli veda ciò che tu vedi, ami ciò che tu ami, possegga ciò che tu possiedi. E’ come se ti parlasse la pace, la tua diletta, e ti dicesse: Amami e mi avrai sempre. Attira qui ad amarmi tutti quelli che puoi: per un amore casto, integro e permanente; attira tutti quelli che puoi. Essi mi troveranno, mi possederanno, troveranno in me la loro gioia.

Madonna della cintura (olio su tela di Orazio Sammarchi)

Madonna della cintura (olio su tela di Orazio Sammarchi)

Pubblicato in Appuntamenti della Comunità Agostiniana di Pavia, Attività della comunità agostiniana, Basilica di san Pietro in Ciel d'Oro, Biblioteca, Centro culturale Benedetto XVI, Comitato Pavia città di sant'Agostino, Comunicati Stampa, Download, Liturgia, Noviziato agostiniano, Orario delle Messe, Pubblicazioni, Sant'Agostino, Santa Rita, Settimana Agostiniana Pavese, Vita agostiniana | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Buon S. Natale!

“E il Verbo si fece carne
e venne ad abitare in mezzo a noi”.
(Gv 1, 14)

Dai “Discorsi” di Sant’Agostino Vescovo (Sermo 188, 2,2-3,3)

Osserva, uomo, che cosa è diventato per te Dio!

Quali lodi potremo dunque cantare all’amore di Dio, quali grazie potremo rendere? Ci ha amato tanto che per noi è nato nel tempo lui, per mezzo del quale è stato creato il tempo; nel mondo fu più piccolo di età di molti suoi servi, lui che è eternamente anteriore al mondo stesso; è diventato uomo, lui che ha fatto l’uomo; è stato formato da una madre che lui ha creato; è stato sorretto da mani che lui ha formato; ha succhiato da un seno che lui ha riempito; il Verbo senza il quale è muta l’umana eloquenza ha vagito nella mangiatoia, come bambino che non sa ancora parlare.

Osserva, uomo, che cosa è diventato per te Dio: sappi accogliere l’insegnamento di tanta umiltà, anche in un maestro che ancora non parla. Tu una volta, nel paradiso terrestre, fosti così loquace da imporre il nome ad ogni essere vivente (Cf. Gn 2, 19-20); il tuo Creatore invece per te giaceva bambino in una mangiatoia e non chiamava per nome neanche sua madre. Tu in un vastissimo giardino ricco di alberi da frutta ti sei perduto perché non hai voluto obbedire; lui per obbedienza è venuto come creatura mortale in un angustissimo riparo, perché morendo ritrovasse te che eri morto. Tu che eri uomo hai voluto diventare Dio e così sei morto (Cf. Gn 3); lui che era Dio volle diventare uomo per ritrovare colui che era morto. La superbia umana ti ha tanto schiacciato che poteva sollevarti soltanto l’umiltà divina.

Un carissimo augurio di Buon S.Natale dalla comunità agostiniana di Pavia!

Buon S. Natale!

Buon S. Natale!

Pubblicato in Appuntamenti della Comunità Agostiniana di Pavia, Arca di sant'Agostino, Attività della comunità agostiniana, Basilica di san Pietro in Ciel d'Oro, Biblioteca, Centro culturale Benedetto XVI, Comitato Pavia città di sant'Agostino, Commento alle domeniche dell'Anno Liturgico, Comunicati Stampa, Download, Liturgia, Noviziato agostiniano, Orario delle Messe, Pubblicazioni, Sant'Agostino, Santa Rita, Settimana Agostiniana Pavese, Vita agostiniana | Contrassegnato | Lascia un commento

Buon S. Natale!

“E’ apparsa la grazia di Cristo,
apportatrice di salvezza per tutti gli uomini”.
(Tt 2, 11)

Dai “Discorsi” di Sant’Agostino Vescovo (Sermo 196, 3)

Dove ti trovi, Signore, per causa mia?

Il Signore Gesù volle essere uomo per noi. Non si pensi che sia stata poca la misericordia: la Sapienza stessa giace in terra! In principio era il Verbo e il Verbo era presso Dio e il Verbo era Dio (Gv 1,1). O cibo e pane degli angeli! Di te si nutrono gli angeli, di te si saziano senza stancarsi, di te vivono, di te sono come impregnati, di te sono beati. Dove ti trovi invece per causa mia? In un piccolo alloggio, avvolto in panni, adagiato in una mangiatoia. E per chi tutto questo? Colui che regola il corso delle stelle succhia da un seno di donna: nutre gli angeli, parla nel seno del Padre, tace nel grembo della madre. Ma parlerà quando sarà arrivato in età conveniente, ci annunzierà con pienezza la buona novella. Per noi soffrirà, per noi morirà, risorgerà mostrandoci un saggio del premio che ci aspetta, salirà in cielo alla presenza dei discepoli, ritornerà dal cielo per il giudizio. Colui che era adagiato nella mangiatoia è divenuto debole ma non ha perduto la sua potenza: assunse ciò che non era ma rimase ciò che era. Ecco, abbiamo davanti il Cristo bambino: cresciamo insieme con lui.

Un carissimo augurio di Buon S.Natale dalla comunità agostiniana di Pavia!

Buon S. Natale!

Buon S. Natale!

 

Pubblicato in Appuntamenti della Comunità Agostiniana di Pavia, Arca di sant'Agostino, Attività della comunità agostiniana, Basilica di san Pietro in Ciel d'Oro, Biblioteca, Centro culturale Benedetto XVI, Comitato Pavia città di sant'Agostino, Commento alle domeniche dell'Anno Liturgico, Comunicati Stampa, Download, Liturgia, Noviziato agostiniano, Orario delle Messe, Pubblicazioni, Sant'Agostino, Santa Rita, Settimana Agostiniana Pavese, Vita agostiniana | Lascia un commento

IV Domenica di Avvento 2016

Cari amici, nella I lettura di questa domenica Isaia da voce alla profezia: Il Signore stesso vi darà un segno. Ecco la Vergine partorirà un figlio che chiamerà Emmanuele, Dio con noi… Questo segno atteso, supplicato, ignorato, ha attraversato il tempo; a chi ha preso su di sé le sorti degli uomini ha dato la forza di lottare e consolare, si è dato come speranza ad un intero popolo afflitto e schiavo, perché il Signore creatore del cielo e della terra, l’Eterno, è venuto tra noi, in noi.

Scrive Agostino: “I Profeti avevano annunziato che il creatore del cielo e della terra avrebbe vissuto in mezzo agli uomini; l’angelo aveva annunziato che il creatore della carne e dello spirito sarebbe venuto ad assumere la carne. Giovanni nel grembo di sua madre salutò il Salvatore che era anche lui nel grembo materno. Il vecchio Simeone riconobbe Dio nel bambino; la vedova Anna ne riconobbe la vergine madre. Queste sono testimonianze della tua nascita, o Signore Gesù… Noi dunque dobbiamo lodare, amare, adorare questa nascita, che celebriamo oggi, questa in cui Dio si è degnato di venire attraverso la stirpe di Israele e farsi Emmanuele: Dio con noi nella debolezza della carne, non con noi nell’iniquità del cuore.” Ma la ragione umana, dopo averne sfiorata la soglia tace, e soffre forse, di fronte a questo mistero. Preferisce lasciare spazio alle tradizioni, alle emozioni dolci e facili di una luccicante festa della bontà, senza vibrare nell’anima di fronte al dono di Dio.

E con Anna

“L’occhio etereo remoto del sole

rischiara freddo mille solitudini

nascoste fra le luci di città.

Sei Tu che manchi.

A Te, che sei Padre

di cieli e d’abissi e Figlio

in un grembo di madre, siano culla

le mie mani. E mille pensieri

d’amore diano tregua al dolore

ed ad ogni guerra nel tuo Natale”

Buona Natale, amici

Anna e Marco

Scarica il commento alle letture della IV Domenica di Avvento 2016

In attesa del S. Natale

In attesa del S. Natale

Pubblicato in Appuntamenti della Comunità Agostiniana di Pavia, Attività della comunità agostiniana, Commento alle domeniche dell'Anno Liturgico | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento