V Domenica di Quaresima 2019

Cari amici

le letture della V Domenica di Quaresima ci parlano di un Dio grande nell’amore che raccoglie e accompagna. il Vangelo di Giovanni invece presenta un fatto sorprendente che vede come protagonista una donna, cioè un soggetto sociale fragile, non innocente, sola e atterrita davanti agli uomini che l’hanno portata lì, davanti alla gente e di fronte a Gesù. Scrive Agostino:” se egli avesse comandato che la donna accusata venisse lapidata, sarebbe andato contro la misericordia. Se invece avesse comandato quanto la legge proibiva, sarebbe stato accusato di aver mancato alla legge… “ Disse:” Volete lapidarla secondo la legge? Chi è senza peccato, scagli per primo la pietra”…  Ma quelli, confusi e tremanti, se ne andarono uno dopo l’altro. Partiti costoro rimase la peccatrice con il Salvatore. Rimase l’ammalata con il medico. Rimase la misera con la misericordia.” Incontrare il Signore significa trovare in Lui l’amore che possiamo dare in una misura infinita, quella della misericordia, non secondo una nostra giustizia derivante dalla legge, ma secondo la giustizia che deriva dalle fede in Cristo (Paolo). E con Anna:

“Ciò ch’ero ieri

m’accerchia ma so che Tu sei l’approdo

infinito al pianto che non si vede.

Fasciano mani fraterne ferite

e dalle lacrime nascono dialoghi

e forza d’attraversare la vita.”

Buona Domenica

Anna e Marco

Le letture della V Domenica di Quaresima

Arca di Sant'Agostino, particolare: libro tra le mani di Agostino morente

Arca di Sant’Agostino, particolare: libro tra le mani di Agostino morente

 

Informazioni su webmaster

Giornalista, blogger, autore televisivo. Autore di Sant'Agostino a Pavia - Le reliquie ritrovate, il pellegrinaggio .
Questa voce è stata pubblicata in Attività della comunità agostiniana, Basilica di san Pietro in Ciel d'Oro, Commento alle domeniche dell'Anno Liturgico e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.