II Domenica di Quaresima 2019

Cari amici

il tema di questa seconda domenica di Quaresima è il rivelarsi di Dio al suo popolo.

Dio passa come fuoco nel sacrificio di Abramo e stringe un’alleanza col suo popolo. Dio entra nell’intimo del nostro essere creature e l’alleanza è il suo figlio Gesù. Scrive Agostino:” Il Signore in persona si fece splendente come il sole, i suoi abiti divennero bianchissimi come la neve e parlavano con lui Mosè ed Elia. Sì, proprio Gesù in persona.. divenne splendente come il sole, per indicare così simbolicamente di essere lui la luce che illumina ogni uomo che viene in questo mondo…”  E noi, piccoli uomini pieni di torpore, quasi non lo sappiamo, ascoltiamo un momento e poi dimentichiamo. Ma Dio è appena al di là del nostro sonno, dei nostri occhi chiusi, del nostro cuore serrato, vicino. Ancora Agostino:”Pietro aveva trovato la solitudine sul monte; lì aveva Cristo come cibo dell’anima. Perché avrebbe dovuto scendere per tornare alle fatiche e ai dolori mentre lassù era pieno di sentimenti di santo amore verso Dio? Scendi, Pietro; predica la parola di Dio, insisti in ogni occasione opportuna e importuna, rimprovera, esorta, incoraggia usando tutta la tua pazienza… Lavora, affaticati molto..affinché, mediante il candore e la bellezza delle buone opere, tu possegga  nella carità ciò ch’è simboleggiato nel candore delle vesti del Signore”

E con Michele

“ Nella notte

entri con me nei miei silenzi,

squarci le nubi, plachi ogni dolore

e ti curvi paterno nell’abbraccio.

 

Trasfigurano i volti, tra gli incontri Tu,

ritrovato nel volgere degli anni,

porto sicuro e vita che dà vita”

 

Buona Domenica

Anna e Marco

 

QUARESIMA2C19

Arca di Sant'Agostino

Arca di Sant’Agostino

 

Informazioni su webmaster

Giornalista, blogger, autore televisivo. Autore di Sant'Agostino a Pavia - Le reliquie ritrovate, il pellegrinaggio .
Questa voce è stata pubblicata in Appuntamenti della Comunità Agostiniana di Pavia, Basilica di san Pietro in Ciel d'Oro, Commento alle domeniche dell'Anno Liturgico e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.