I Domenica di Quaresima 2012

Particolare dell'Arca di Sant'Agostino: il giovane Agostino ascolta il vescovo Ambrogio

Particolare dell'Arca di Sant'Agostino: il giovane Agostino ascolta il vescovo Ambrogio

Cari amici, inizia la Quaresima, il tempo liturgico che prepara la Pasqua
e invita nella condivisione, nella sobrietà e nel silenzio alla
conversione. Le letture della I Domenica ci propongono due temi forti di
riflessione: l’alleanza tra Dio e il suo popolo e la conversione. Ancora
una volta cerchiamo con le parole di Agostino di recuperare il senso
profondo di questo tempo: ”…mi sento in dovere di farvi delle esortazioni.
Anche voi infatti siete debitori verso Dio di azioni adeguate al tempo che
state vivendo, azioni che possano giovare a voi, non a Dio. Con mitezza e
con fervore facciamo dunque queste due specie di elemosine: il dare e il
perdonare … Non disprezziamo dunque nel povero il nostro Dio che si mostra
bisognoso per poter, anche noi bisognosi, essere appagati in lui, ricco…
Perdonate e vi sarà perdonato, ossia non tenete conto (del male altrui) e
neanche del vostro si terrà conto.”  Dopo ogni divisione, dopo ogni
rottura ed ogni allontanamento drammatico ( il diluvio ) è possibile il
ritorno, la riconciliazione, perché questo è il significato che il Signore
dà alla sua alleanza con noi. Ritornare, riconciliarsi è il senso della
“conversione”, desiderare, con purezza di cuore, d’essere di Dio nella
pace.
Buona quaresima

Commento agostiniano alle letture della I Domenica di Quaresima 2012

Informazioni su webmaster

Giornalista, blogger, autore televisivo. Autore di Sant'Agostino a Pavia - Le reliquie ritrovate, il pellegrinaggio .
Questa voce è stata pubblicata in Attività della comunità agostiniana, Basilica di san Pietro in Ciel d'Oro, Commento alle domeniche dell'Anno Liturgico e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.