Terza Domenica di Avvento 2011

Arca di Sant'Agostino, particolare, Agostino benedicente

Arca di Sant'Agostino, particolare, Agostino benedicente

Cari amici, Domenica della gioia questa terza d’Avvento.

Ma come è lontana la gioia dell’annuncio nella nostra vita. Il Signore
rovescia i nostri preventivi, ci chiede di credere senza riserve, di
ascoltare la Voce che grida nel deserto… ma non contraddice la nostra
umanità.
L’annuncio di Giovanni è nel presente del tempo umano, ecco viene…, come
il cantico gioioso di Maria: la mia anima esulta in Dio mio salvatore,
perché ha guardato l’umiltà della sua serva. Il Dio che viene guarda i
piccoli, i poveri come suo tesoro, sazia chi ha fame, difende e libera chi
confida in Lui.
Agostino ci aiuta a comprendere in profondità le parole del Vangelo:”Preparate la via al Signore, quasi a dire: per questo io grido, per introdurre lui nel cuore; ma non può degnarsi di venire per dove voglio introdurlo se non preparerete la via… Che vuoi dire: preparate la via, se non: siate umili nei vostri pensieri? Da lui stesso prendete esempio di
umiltà… la voce fu creduta la Parola: ma la voce riconobbe se stessa per
non recare danno alla Parola…

Il Signore è più grande della voce che gli rende testimonianza, ancora non conosciuto. Dio è  l’assoluto nascosto, il più alto dilemma della ragione, il gioiosamente atteso del cuore che ha
fede. E con Michele:
“ma la  gioia che solleva ogni amarezza,
che ravviva lo Spirito d’amore
è la grandezza di ogni nostra storia.”

Buona Domenica
Anna e Marco

Scarica il commento agostiniano alla terza domenica di Avvento, anno B

Advertisements

Informazioni su webmaster

Giornalista, blogger, autore televisivo. Autore di Sant'Agostino a Pavia - Le reliquie ritrovate, il pellegrinaggio .
Questa voce è stata pubblicata in Attività della comunità agostiniana, Commento alle domeniche dell'Anno Liturgico e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.